#abbiamoildiritto di difendere la nostra Costituzione

L’abbiamo difesa tutti insieme, in maniera inequivocabile, nel referendum del 4 dicembre e siamo pronti a farlo ancora e ancora. Non solo perché è “la più bella del mondo” ma perché è un articolato prezioso, bilanciato e fragile: non si può restaurare il David di Michelangelo col piccone né si deve strumentalizzare il momento più alto della nostra storia repubblicana per risolvere, tra l’altro mostrando muscoli che non si posseggono, una contingenza politica difficile; lo sappiamo e l’abbiamo dimostrato.
Non vuol dire che il testo, laddove necessario, non debba essere attualizzato, ma quando vi abbiamo messo mano non abbiamo valutato fino in fondo la portata delle modifiche effettuate, come nel caso della riforma del Titolo V.

Prima di dedicarci a interventi avventurosi, noi pretendiamo la piena attuazione della Carta che già esiste ma il cui dettato non riesce ancora, oggi, a garantire il diritto di tutti.

Vi chiedo di tornare a scegliere, il 4 marzo, come già abbiamo fatto in quel dicembre non così lontano: lasciamo a casa, come peraltro ci avevano promesso loro stessi, i turisti della Costituzione per essere davvero tutti Liberi e Uguali!

 

http://liberieuguali.it/programma/#diritti